Medioera affronta tecnologia e futuro. Ospiti Roberta Bruzzone e Geoff Mulgan

PDFStampaE-mail

roberta bruzzone, criminologa, ospite, medioera, incontro, investigativo, Geoff Mulgan, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2013, VITERBO - Nuova intensa giornata per il festival di cultura digitale. Medioera aprirà anche oggi pomeriggio le porta della Sala Regia di palazzo dei priori con quattro interessanti appuntamenti.

Si inizia alle 16 con "Criminal investigative analysis: il ruolo delle nuove tecnologie al servizio della ricerca della verità", appuntamento realizzato in collaborazione con il Lapec Tuscia e la Camera Penale di Viterbo. Interviene la nota criminologa Roberta Bruzzone insieme a Massimino Boccardi.

Poliica e politiche europee alle 17, nell'incontro "Info e crowd in Europa", con Marco Scurria, parlamentare europeo, Luigi Berlinguer, parlamentare europeo, Ramon G. M. Magi, presidente nazionale della rete Eurodesk, Davide Capecchi, presidente nazionale della rete Erica, Claudio Bedino, fondatore della piattaforma di crowdfunding Starteed. In apertura il video di Lorenza Fruci, giornalista e scrittrice,dedicato al crowdfunding.

 

 

roberta bruzzone, criminologa, ospite, medioera, incontro, investigativo, Geoff Mulgan, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2013, Alle 18 uno dei momenti clou di questa edizione del festival: Geoff Mulgan, considerato il più importante esperto mondiale del settore, interverrà su "Tecnologie digitali e amplificazione della creatività per il futuro". Consulente di Tony Blair, fondatore delle due più importanti esperienze di innovazione sociale a livello internazionale, Young Foundation e Nesta. Autore del Libro bianco sull'innovazione, aprirà uno spaccato su come affrontare diversamente il futuro.

In serata sarà la volta della musica: alle 21 prenderà il via "Let’s rock. Creatività e innovazione". Apre nITro Group con Dario Pompei, a seguire Marco Accordi Rickards, giornalista e scrittore, docente universitario, direttore di Vigamus – Museo del Videogioco di Roma, Marco Zamperini, se internet in Italia c’è è soprattutto per merito suo. Chiude Franco Bolelli, rocker, filosofo, co-autore di Viva tutto scritto a 4 mani con Jovanotti. L’incontro è coordinato da Flavia Ludovisi.

T. P.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA