Caos Carnevale: l'amministrazione si sdoppia e raddoppia gli eventi

PDFStampaE-mail

carnevale, bmabini, comune viterbo, confusione, raddoppio, feste, assessorato politiche sociali, assessorato cultura, follia, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2014, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi,VITERBO - Arriva il Carnevale del capoluogo, e invece di essere un momento di svago, viene vissuto con polemiche e minacce di querela. Il risultato di questi giorni è la diretta conseguenza di una mancata programmazione, di avvisi pubblici presentati tardi e di successiva auto-esclusione (per selezione naturale stavolta) di gran parte delle associazioni viterbesi.

Partiamo dal programma: nella conferenza stampa, in piena settimana "grassa", di martedì 25 l'assessore Barelli annuncia gli eventi che si realizzeranno in città, organizzati dalle associazioni che hanno partecipato all'avviso pubblico. Domani, giovedì 27 febbraio, appuntamento è a piazza del Gesù, dalle 15, con l’associazione La Tana degli Orchi, che organizzerà balli e divertimento ispirato alle antiche tradizioni della commedia dell’arte italiana del ‘400. Per i più piccoli ‘truccabimbi’ e laboratorio maschere. Uno spettacolo che si ripeterà martedì grasso, 4 marzo, quando artisti di strada e musica live coloreranno la città con la parata di Re Carnevale per le vie del centro storico. Alle 17.30 il fantoccio verrà incendiato in Piazza del Gesù.

 

 

In mezzo la festa di domenica 2 marzo, con il Family Carnival, interamente dedicato alle famiglie: appuntamento dalle 15 in piazza Unità d'Italia, con la festa proposta all'amministrazione dal parco giochi ‘Cucciolandia’ di Debora Proietti. Musica, balli di gruppo, truccabimbi, strutture di palloncini, costruzione di maschere in cartapesta, gestite dalla Trend in motion che, anche attraverso il marchio Prima officina dello spettacolo proporrà animazione e momenti di festa, documentati dal Photo Point di Capulli, pronto a cogliere l'attimo e lasciare uno scatto ricordo da portare a casa.

Svelato quindi il risultato di un avviso che, documento alla mano, è iniziato male e finito peggio. Ne abbiamo parlato abbondamente: troppo poco il tempo, troppo vincolante il bando, che peraltro prevedeva mascherate, che mancano, un mercatino, che manca, ed eliminava a priori carri e organizzazione specifica. Una situazione che ha esasperato tante associazioni, anche molto attive, e che hanno deciso di non partecipare. Ora la città si trova un carnevale a portata di famiglie, che farà scendere qualche bimbo in strada, ma di certo non sarà il veicolo turistico che ogni volta viene paventato da chi amministra, e pensa in grande. Pianificare, valutare e magari verificare il risultato potrebbe essere utile, per il bene di tutti, della città e della sua economia.

family carnival, cucciolandia, trend in motion, prima officina spettacolo, carnevale, bmabini, comune viterbo, confusione, raddoppio, feste, assessorato politiche sociali, assessorato cultura, follia, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2014, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi,Il carnevale viterbese 2014 non passerà di certo alla storia, è evidente, ci sarà divertimento per i bambini, soddisfazione per le famiglie, ma di certo non sarà un evento eclatante. Le associazioni viterbesi sono state a guardare, sia perché era impossibile gestire in 3 giorni un carnevale degno del nome, sia per mostrare un certo vuoto, un'assenza, un silenzio che fa più rumore delle urla. Alla fine ha perso al città, ancora una volta.

Non solo, la Comune arriva la comunicazione ufficiale di un altro evento, molto simile a quello voluto dall'assessore alla cultura, organizzato dalle politiche sociali: Mascherlandia in programma domenica 2 marzo. In collaborazione con le insegnanti delle scuole per l'infanzia San Sisto e Santa Barbara, l'appuntamento avrà inizio alle 14,30 in piazza del Plebiscito con l'inaugurazione e la partenza del trenino di Arlecchino per la città di “Mascherlandia”. Breve sosta in piazza della Morte per degustare qualche prelibatezza (gentilmente offerta dal ristorante Il Gargolo) e poi riprendere verso il Duomo. Divertimento, ma anche prevenzione e salute grazie alla Ausl. Dalle 14,30 alle 18,30 in piazza san Lorenzo infatti, sarà possibile effettuare visite pediatriche gratuite, grazie al  personale medico e infermieristico della Asul. Alle 16,30 presso la sala Alessandro IV di Palazzo Papale sarà la volta dello spettacolo di marionette Tanto di Cappello. Tante altre le iniziative in programma, tra cui animazione con truccabimbi, sculture di palloncini, trampoli, giocoleria, baby dance, bolle di sapone giganti e magia comica. Ci sarà spazio anche per giochi con missili, dischi volanti, corsari, pagliacci e streghe. Non mancheranno bancarelle con dolciumi, e stelle filanti. Non saranno invece ammesse bombolette spray. “Mascherlandia – ha spiegato la consigliera delegata alle Politiche Giovanili Alessandra Troncarelli – è un'iniziativa che vuole regalare un pomeriggio spensierato ai nostri piccoli, tra maschere e coriandoli. La preziosa collaborazione della Ausl ha permesso di mettere in piedi anche la possibilità di effettuare visite gratuite, agevolando così, in un clima divertente e ludico, l'approccio dei bambini con i medici. Un'iniziativa quindi legata al Carnevale, ma con una valenza anche socio-sanitaria. A questo proposito voglio ringraziare il primario del reparto di Pediatria di Belcolle Massimo Palumbo, tutta la direzione strategica della Ausl, in particolar modo il direttore sanitario Patrizia Chierchini e il direttore sanitario del complesso ospedaliero di Belcolle Giuseppe Cimarello. Preziosa la partecipazione dei due medici di Roma, Luca Labianca e Antonello Montanaro dell'Ortopedia pediatrica dell'Azienda ospedaliera Sant'Andrea, presenti a Mascherlandia appositamente per effettuare screening per la scoliosi. Un ringraziamento va inoltre alla presidente della Croce Rossa Italiana, sezione di Viterbo, Maria Teresa Gasbarri per la disponibilità del camper e di alcune attrezzature necessarie alle visite”.

Forse all'interno della maggioranza c'è poca comunicazione.

Infine le polemiche politiche: Cucciolandia si avvarrà dei servizi dell'agenzia Trend in motion, che non ha direttamente partecipato al bando ma fornirà la sua professionalità, come normalmente accade nella struttura del Poggino, come accade per altre feste in cui è coinvolta l'azienda, anche con marchio Prima officina dello spettacolo. Dopo la conferenza il consigliere comunale Buzzi ha fatto notare come l'agenzia abbia una sede condivisa con la palestra Gymnica, di proprietà della compagna del presidente del consiglio comunale, Filippo Rossi, esponente di Viva Viterbo, movimento a cui appartiene Barelli. La questione ha innervosito non poco l'assessore, che ha inviato minacce di querele con un comunicato ufficiale.

Conflitto d'interessi, che torna prepotentemente a galla, soprattutto quando si nega l'evidenza. Al bando hanno partecipato le associazioni che hanno vinto, quindi, per una volta, le polemiche potevano restare a margine. E invece no, si nega l'evidenza e questo rende tutto amaro. Come si fa a negare di conoscere un gruppo di persone che collabora con Caffeina, che condivide una sede. Non c'entrano con il bando, la Trend in motion farà esclusivamente il proprio lavoro, e negare l'evidenza avvelena solo il clima, e non fa bene a chi tenta di lavorare serenamente per la crescita culturale della città. Non fa bene alle aziende che creano plusvalore e posti di lavoro.

Vai a vedere che alla fine "Pulcinella ridendo e scherzando... disse la verità?"

Teresa Pierini

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA