Caringella e Mani pulite: appuntamento al Consorzio Biblioteche

PDFStampaE-mail

consorzio bibliteche, francesco caringella, non sono un assassino, paolo pelliccia, libri, romanzo, presentazione, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2015, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi, VITERBO - Appuntamento da non perdere oggi 14 maggio alle 17, al Consorzio delle biblioteche ospite Francesco Caringella.

Giudice barese, che ha vissuto in prima persona la stagione di "mani pulite", presenterà il suo libro "Non sono un assassino" (Newton 2015). Un romanzo dove la legalità italiana viene mostrata con tutte le sue fragilità e meraviglie, senza voler sbarrare buoni e cattivi e, soprattutto, senza dipingere una perfezione che difficilmente potrebbe esistere.

Un’amicizia, un omicidio, un solo colpevole. Il Sostituto procuratore Giovanni Mastropaolo viene trovato senza vita dalla domestica; l’unico colpevole indicato dal Pubblico Ministero è Francesco Prencipe, vicequestore della polizia, amico intimo di Giovanni.

Passato e presente si intrecciano mentre il processo conquista le prime pagine di tutti i media nazionali.

Attuale e capace di mantenere il ritmo Non sono un assassino merita l’attenzione di chi ama i legal thriller. Il risultato è assolutamente piacevole, scorrevole, capace di attanagliare il lettore fino all’ultima parola, senza cadere mai nella banalità.

L'incontro si svolgerà presso la sala conferenze "Cardarelli", viale Trento 18/e.

VITERBO - Appuntamento da non perdere domani alle 17, al Consorzio delle biblioteche ospite Francesco Caringella. Giudice barese, che ha vissuto in prima persona la stagione di "mani pulite", presenterà il suo libro "Non sono un assassino" (Newton 2015). Un romanzo dove la legalità italiana viene mostrata con tutte le sue fragilità e meraviglie, senza voler sbarrare buoni e cattivi e, soprattutto, senza dipingere una perfezione che difficilmente potrebbe esistere.

Un’amicizia, un omicidio, un solo colpevole. Il Sostituto procuratore Giovanni Mastropaolo viene trovato senza vita dalla domestica; l’unico colpevole indicato dal Pubblico Ministero è Francesco Prencipe, vicequestore della polizia, amico intimo di Giovanni.

Passato e presente si intrecciano mentre il processo conquista le prime pagine di tutti i media nazionali.

Attuale e capace di mantenere il ritmo Non sono un assassino merita l’attenzione di chi ama i legal thriller. Il risultato è assolutamente piacevole, scorrevole, capace di attanagliare il lettore fino all’ultima parola, senza cadere mai nella banalità.

L'incontro si svolgerà presso la sala conferenze "Cardarelli", viale Trento 18/e.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA