Sport Paraolimpico: Podestà e Cratassa venerdì al Salus Terme

PDFStampaE-mail

conferenza stampa, cratassa, hand bike, podestà, sort, disabili, hotel salus terme, incontro, 13 gennaio, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2017, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesiVITERBO - La difficoltà nell'uscire da un bar dopo aver preso un caffè o il continuo pensiero di come affrontare gesti di ogni giorno: è il momento più difficile di qualsiasi diversamente abiile che si confronta con la vita. Rovescio della medaglia la grande forza che spunta quando, nonostante l'handicap, si decide di affrontare una qualsiasi disciplina sportiva. E' questa la lezione di vita data da Mauro Cratassa, campione di handbike, nella conferenza stampa di presentazione dell'evento dedicato al mondo para-sportivo, in programma venerdì 13 gennaio 2017, alle 17 all'Hotel Salus Terme.

Organizzata da Veronica Ruggiero, in collaborazione con il Salus Terme e la Scuola Indoor Cycling, prevede come ospite d'onore Vittorio Podestà, medaglia d'oro Paraolimpiadi Rio, insieme al campione vitorchianese Mauro Cratassa, al loro fianco Stefano Colagè, Andrea Gurayev, Massimiliano Lelli, Riccardo Magrini, atleti e protagonisti del mondo del ciclismo, e Marco Canuzzi, preparatore atletico di Cratassa, nel centro dell'Asd Indoor Cycling di Montefiascone. Invitato anche Zanardi, che non sarà presente per altri impegni presi in precedenza.

L'evento ha il patrocinio del Comune di Viterbo, rappresentato in conferenza dall'assessore Ciambella e dal delegato allo sport Treta, sollecitati sulla realizzazione di un velodromo che dia possibilità a tanti atleti di allenarsi, l'unico al chiuso si trova a Brescia, caduta al momento nel vuoto, per evidente carenza di fondi.

 

"Sarà un incontro dedicato alla loro grande forza - ha spiegato la Rugigero - e per questo sarà aperto a tutti, con il fondamentale supporto dell'hotel Salus che ci ha aiutato tantissimo, per dimostrare quanto sia importante lo sport paraolimpico, che dona uno scopo di vita. Siamo certi che tanti diversamente abili, con le loro associazioni, prima fra tutte la Vitersport, saranno presenti per portare la propria testimonianza".

La forza di atleti così speciali è stata sottolineata da Marco Canuzzi: "Ho incontrato Mauro un paio di anni fa per aiutarlo nella preparazione verso le Olimpiadi di Rio, dove purtroppo non è stato convocato, ma per cui si era preparato con un continuo e importante lavoro in palestra. E' stato stupendo lavorare con lui - ha sottolineato Marco - anche per la grande lezione di vita e sport che ci ha dato ogni momento". Parole che lo hanno portato fino alla commozione.

Il saluto finale proprio dall'atleta, Mauro Cratassa: "La nostra vita è spesso bloccata da tanti ostacoli, dobbiamo farci forza e organizzarci al meglio. Come tutti soffriamo, abbiamo dolori, io mi sono appena operato proprio per eliminarne alcuni che mi stavano dando molto fastidio e non vedo l'ora di tornare ad allenarmi con la mia handbike".

Il messaggio più forte, quello della rivincita, della voglia di dimostrare la propria forza, fisica e mentale, attraverso lo sport sano che porta benefici a chiunque.

Teresa Pierini

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA