Io non crollo: consegnata la merce raccolta a Viterbo

PDFStampaE-mail

io non crollo, consegna, magazzino poggio mirteto, rosalla vincenti, terremoto, centro italia, aiuti, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2017, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesiVITERBO - "Io non crollo" terzo atto. Abbiamo annunciato l'idea della raccolta fondi, presa in carico da Rosella Vincenti; abbiamo fatto visita al punto di raccolta rimanendo estasiati davanti a tanta merce, avevamo portato un busta con qualcosa e sembrava nulla davanti a tutto quello che era stato donato. Era una nuova piccola goccia, che unita diventa mare, il mare di affetto e soprattutto aiuti che sta arrivando nelle zone terremotate del Centro Italia.

Ora siamo al terzo atto, la consegna, immediata, velocissima, senza intermediari itstituzionali, politica, parrucconi o teste coronate a fare discorsi.

Rosella ha caricato un camion e un furgone destinazione Poggio Mirteto, punto di smistamento per la Regione Lazio.

Grazie a lei anche Viterbo si è unita a questa iniziativa nata dal basso, dalla gente, dal passaparola che ha dimostrato come i terremotati si sentano soli, con i loro enormi drammi. Non basta una tenda o un container per dormire, non basta quanto è stato fatto, che è una percentuale minima di quanto promesso. Non basta e lo dimostrano i cittadini disperati, quelli che hanno le stalle crollate senza che nessuno se ne preoccupi, e in quelle stalle ci stanno gli animali che da generazioni li fanno vivere come vogliono, nella propria terra, con il frutto della propria terra.

Sono soli e l'eco delle montagne è servito alla nascita di Io non crollo: piano piano si sono accese tante lucine in motlissime città italiane. Talmente tante che è stato necessario dividere per regioni e organizzare lo stoccaggio di merce. Ora anche Viterbo, con la sua gente, brilla tra le stelle. Tanto il materiale che è stato portato (leggi Io non crollo: il grande cuore dei viterbesi. Raccolta straordinaria anche oggi), come ha spiegato Cristian Calabrese, il responsabile per il Lazio che ha accolto la spedizione viterbese: tutto viene classificato e diviso per scadenze e tipologia, una sorta di magazzino che attende solo di essere utilizzato.

 

Di volta in volta, a seconda delle richieste, i prodotti, che siano alimentari, per animali o per la sussitenza al freddo, viene prelevato e consegnato direttamente alla famiglia che ne ha bisogno. Un gesto di solidarietà diretto, senza intermediari, che arriva nel punto nevralgico e risolve problemi. E' la vittoria vera di Io non crollo, il cuore di tanti per il cuore del Centro Italia, che sarà pur ferito, ma ha tanta voglia di riprendersi.

Per info sulla consegna è possibile vedre il video pubblicato da Rosella, cliccando qui, e c'è da scommetterci, ne sentiremo ancora parlare.

Teresa Pierini

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna