Alessio conquista il palco e tanti amici lo condivideranno per la finale di Sanremo

PDFStampaE-mail

sanremo 2017, finale, festival canzone, alessio bernabei, sergio sulvestre, marta iacoponi, maria grazia fontana, sta&b, silvio, martino, il siero,viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2017, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi SANREMO - La Tuscia ha fatto il pieno: come annunciato ieri, questa finale sarà davvero ad tasso di viterbesità (provincia compresa).

Tre gli esponenti di Tarquinia, il primo, in gara: Alessio Bernabei ha finalmente trovato la dimensione giusta per stare sul palco dell'Ariston, dopo una prima serata in affanno e una cover che non è stata gradita dai più. La critica lo ha praticamente stroncato, il mondo dei social si è scatenato con battute al vetriolo e anche al Dopofestival non è uscita una partecipazione memorabile. Situazioni che hanno fatto scattare la reazione di Alessio, che ieri sera ha aggiustato il tiro, presentando la sua "In mezzo di un applauso" esattamente come doveva, evitando di rincorrere il fiato e donandosi ma maggiore serenità al pubblico.

Che siano le critiche ad averlo fatto reagire, abbandonando l'attegiamento vititmistico che un artista non dovrebbe mai avere per evitare di stancare, o che abbia trovato la pace necessaria poco conta: stasera si giocherà la vittoria insieme agli altri 15 big, lasciando a ruota cantanti del tipo di Giusy Ferreri, Ron, Gigi D'Alessio e addirittura Albano. Il televoto sarà pur stato determinante, ma alla fine chi paga poi è anche chi compra i brani sulle piattaforme e gli album nei negozi.

 

Il secondo tarquinisese sarà il più tranquillo, sempre se si può stare tranquillità sul palco dell'Ariston: Patrizio Ratto Raptor potrà lasciare da parte l'emozione e scatenarsi nella sua passione più grande, il ballo. Nel cast come ballerino della campagna Tim, main sponsor del Festival della canzone italiana, oggi si mostrerà ad un pubblico oceanico, nuova perla della sua carriera lanciata da Amici di Maria.

 

Anche il terzo in qualche modo sfiora la "donna delle televisione", quest'anno conduttrice insieme al direttore Conti: nel coro Sat&B del maestro Maria Grazia Fontana che accompagna Sergio Sylvestre, oltre a Marta Iacoponi che abbiamo sentito ieri, è presente tra gli 8 anche il diciottenne tarquiniese Silvio Padovani, studente del Liceo Linguistico e aspirante cantante, già visto due anni fa nello spot “Tutti cantano Sanremo”, stavolta scelto come "persona comune" immortalata a canticchiare un brano del festival. Con Silvio e Marta è presenta nel coro anche Martino Schembri, romano ma originario di Canino. Insieme Silvio e Martino formano una band, Il Siero e ora stanno condividendo questa esperienza sanremese. Con loro Marta Iacoponi, che tornerà carica di energia e tanta voglia di portare avanti questo sogno fatto di note.

A tutti il più grande augurio dalla redazione de latuaetruria.

Teresa Pierini

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna