"I conti vanno fatti con se stessi": dalle note alla vita, ospite Lorenzo Cantarini

PDFStampaE-mail

sette note per dirlo, libro, romnzo, c1v edizioni, lorenzo cantarini, dear jack, prefazione, ergife, scripata manent, cinzia tocci, alessndro curti, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2017, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesiROMA - E' stato presentato nell'ambito di ScriptaManent, all'Ergife Palace, il romando Sette note per dirlo, scritto a quattro mani da Cinzia Tocci e Alessandro Curti, con la prefazione firmata Dear Jack, attraverso i pensieri e le parole di Lorenzo Cantarini.

Una giornata speciale (anticipata dalla nostra intervista che puoi vedere cliccando qui, nel nostro canale Youtube, ndr) carica di emozione. Decine di fan in attesa, sia per rivedere i ragazzi, poi rappresentati da Lorenzo, mentre Francesco, Alessandro e Riccardo erano chiusi in sala prove. Un'attesa che non ha deluso le aspettative. Oltre a conoscere Alessandro e Cinzia e apprezzare la loro simpatia e capacità come scrittori, è stato possibile ascoltare ed interagire con Lorenzo, non solo con il chitarrista, ma soprattutto con il ragazzo, che poi è l'argomento del libro.

"Spesso mi accusano di non trasmettere le mie emozioni - ha esordito Cantarini - e voglio smentire questo: sono felicissimo di vedervi qui, con me e noi". Lorenzo, sollecitato da Cinzia ha parlato di quanto scrive nella prefazione: "Non ho in testa idee del destino, perché non ci credo - ha aggiunto -. Voglio credere che sono le nostre scelte a delineare la vita. Ho pensato tanto prima di scrivere quello che ora leggerete, questa estate, forse oggi avrei scritto cose diverse.

Il tempo è un tema che ho molto in testa... e lo ascolterete nel nuovo cd. Mi piace pensare che questo libro possa scrivere sette note per dirlo, libro, romnzo, c1v edizioni, lorenzo cantarini, dear jack, prefazione, ergife, scripata manent, cinzia tocci, alessndro curti, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2017, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesialla nuova generazione insegnando quella che è stata la mia scuola: il messaggio dei Pink Floyd, non dobbiamo restare in attesa che accada qualcosa. Non mi piace generalizzare in modo banale sulla vita dei ragazzi, ma dobbiamo imparare a gestire il tempo, non dobbiamo attendere che qualcosa cambi, c'è un ignoto da esplorare, facciamolo. Lo dobbiamo a noi stessi. Questo è uno dei messaggi del libro".

 

Parole confermate anche da Alessandro, sulle sparlle una generazione leggermente più avanti dei ragazzi: "Il mondo è uguale per tutti, anche con il passare del tempo la difficoltà rimane sempre una, raccontarsi".

Cinzia ha poi svelato la nascita di Axel, il personaggio del libro, il giovane musicista: "Quando abbiamo costruito la figura del ragazzo lo abbiamo pensato fuori dal mondo social, e guarda caso è coinciso con Lorenzo, il suo stare distante, per come può, da quel mondo".

Il libro, carico di argomenti (leggi la recensione al link Amore, vita e musica: Sette note per dirlo, il romanzo "sponsorizzato" dai Dear Jack), è stato già letto da uno sceneggiatore, presente in sala, Sauro Benvenuti, che ha confessato che tutto potrebbe trasformarsi in un film, o meglio in una fiction, tanti sono i concetti e gli intrecci di vita.

"Qual è la cosa giusta da fare? Chi lo sa? La ricerca della perferzione porta solo verso la noia, che diventa ossessione. Una cosa che non consideravi prima può diventare bellissima -  ha proseguito Lorenzo -, vi faccio un esempio: ultimamente ascolto molto 'Ora o mai più', una nostra canzone, che ovviamente mi piaceva, ma adesso l'ho riscoperta, la canto spesso". Argomento colto al volo da Alessandro che ha aggiunto: "Fare pace con le proprie imperfezioni è la chiave, così si può proseguire. Non abbiate paura, non fatevi imbrigliare dai guidizi altrui, ponderate con logica e portate avanti le vostre scelte".

In chiusura gli ultimi consigli di Lorenzo, sempre a sfondo musicale: "Non bisogna essere uno dei mattoni di The Wall, costretti e non felici. Quando si sta così, per liberarci, deve crollare il muro e questo non deve accadere. Smettiamo di dare importanza ai valori estetici e 'all'altro', con frasi del tipo 'quello ha fatto i soldi' o 'quello ha avuto fortuna'. I conti vanno fatti con se stessi".

Al termine Lorenzo, Cinzia e Alessandro hanno firmato le copie del libro e ricevuto anche regali per Pasqua, destinati, ovviamente ai quattro musicisti.

Per chi volesse acquistare il libro, è prenotabile sul sito www.c1vedizioni.com.

Teresa Pierini

sette note per dirlo, libro, romnzo, c1v edizioni, lorenzo cantarini, dear jack, prefazione, ergife, scripata manent, cinzia tocci, alessndro curti, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2017, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi sette note per dirlo, libro, romnzo, c1v edizioni, lorenzo cantarini, dear jack, prefazione, ergife, scripata manent, cinzia tocci, alessndro curti, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2017, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna