L'avventurosa esistenza di Kokocinski domani al Consorzio Biblioteche

PDFStampaE-mail

kokocinski, studio, artista, incontro, scultore, tuscania, consorzio biblioteche, mostra, pulcinella clown, napoli, firenze, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2017, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesiVITERBO - Sabato 13 maggio alle 17.30 la Biblioteca Consorziale di Viterbo incontra Tiziana Gazzini, autrice di “Kokocinski. Vita straordinaria di un artista” (Edizioni Clichy). Un'occasione per ripercorrere le tappe e la poetica del pittore, scultore e scenografo dando voce al protagonista: all'evento, infatti, sarà presente Alessandro Kokocinski, che dal 2003 si è trasferito a Tuscania.

"Siamo onorati di ospitare un personaggio di tale spessore. Kokocinski si aggiunge alla lista di nomi di calibro che hanno scelto il palco della Biblioteca Consorziale di Viterbo per raccontarsi e dialogare con il pubblico" dichiara il commissario straordinario Paolo Pelliccia.

Il libro della Gazzini esce in contemporanea con la grande mostra "La Vita e la Maschera: da Pulcinella al Clown" al Museo Archeologico Nazionale di Napoli (visitabile fino al 5 giugno) e con la mostra di opere su carta alla Galleria Clichy di Firenze (fino al 22 giugno).

Avventurosa e romanzesca è, secondo l'autrice, l'esistenza di Kokocinski, una storia dove il vissuto coincide mirabilmente con i valori formali attraverso i quali l’artista si esprime. Il racconto della vita di Kokocinski è il racconto della costruzione dell’immaginario unico e sorprendente da cui muove la sua arte.

Madre russa e padre polacco, Alessandro Kokocinski nasce nel dopoguerra a Porto Recanati, apolide. La migrazione in Argentina, l’infanzia con gli indios Guaraní nella foresta pluviale, l’adolescenza in un circo come acrobata cavallerizzo. Il disegno e l’arte «al servizio del popolo» nell’Argentina della dittatura militare. Poi il Cile di Allende, l’Europa – Amburgo, Londra, Parigi, Roma – e l’incontro con la grande arte classica italiana. Senza dimenticare l’Oriente. Kokocinski, artista dalle molte patrie, ha vissuto incontri ed eventi eccezionali, attraversato continenti tracciando una geografia complicata, sorprendente e misteriosa che lega la grande storia a vicende privatissime. La vita di Kokocinski assume la forma di un racconto corale fatto di migrazioni e guerre, scorci antropologici e contaminazioni culturali che Tiziana Gazzini ha ricostruito grazie alla testimonianza diretta dell’artista e a una rara documentazione d’archivio messa a disposizione dalla Fondazione Alessandro Kokocinski.

Tiziana Gazzini
Vive e lavora a Roma. Giornalista e saggista, ha scritto d’arte, cultura, costume su quotidiani, periodici e testate web tra cui "Paese Sera", "Il Tempo", "Il Piccolo", "Cinecritica", "Nazione Indiana". Attiva nell’editoria d’arte, ha collaborato con la RAI e la Quadriennale di Roma.

L'incontro, gratuito e aperto a tutti, si terrà sabato 13 maggio alle 17,30 nella Sala Conferenze Vincenzo Cardarelli a viale Trento 18/e.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna