“A.D.1243 – l’ultimo assedio”: Viterbo medievale in una fiction Mediaset?

PDFStampaE-mail

marta tempra, ad 1243, storia viegrbo, assedio, barbarossa, possibile fiction, costume, federico Ii, papa, salone libro, torino, incontro, carlo micciché, osservatorio letterario mediaset, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2017, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesiVITERBO - La storia della città dei papi protagonista di una fiction Mediaset: sembra un sogno, eppure – forse – potrebbe diventare realtà.

Di certo, però, rappresenta un’opportunità che potrebbe fare la differenza, per una città piena di potenziale e in forte crescita come Viterbo. Proprio in occasione del Salone del Libro di Torino, infatti, la giovane autrice viterbese Marta Tempra è stata selezionata tra i sei autori che presenteranno le proprie storie al direttore dell’Osservatorio letterario Mediaset, Carlo Micciché. L’evento, organizzato dall’incubatore per scrittori mEEtale.com in collaborazione con la FUIS (Federazione Unitaria Italiana Scrittori), ha infatti lo scopo di valutare il soggetto per una serie televisiva targata Mediaset.

Tra le storie proposte, anche “A.D.1243 – l’ultimo assedio”, il romanzo storico che ha per protagonista la gloriosa Viterbo medievale e il suo vittorioso assedio contro Federico II.

Alla luce dell’enorme successo della serie tv “I Medici” di Rai Fiction (girata, peraltro, anche a Viterbo), non è detto che Mediaset non decida di rispondere per le rime alla rete rivale, puntando però su una storia ancora mai raccontata.

 

D’altronde, il successo ottenuto dal romanzo (scritto da Marta Tempra e Furio Thot, edizioni Arpeggio Libero) è indice di un gradimento tutt’altro che locale: presentato in anteprima per il festival Caffeina, il libro è stato oggetto di un tour letterario per tutta l’Italia, che ha fatto tappa, tra gli altri, niente meno che a Expo.

 

E non è tutto: “A.D.1243 – l’ultimo assedio” infatti è stato in gara per la scorsa edizione del Premio Campiello, ha fatto vincere alla casa editrice Arpeggio Libero il premio letterario Buk Modena come miglior editore e all'autrice appena venticinquenne il Premio Città dei Papi come eccellenza del territorio.

Un successo talmente unanime, anche a due anni dall’uscita del romanzo, da non poter certo esaurirsi così. È stato annunciato infatti un seguito, ambientato circa quindici anni dopo la fine de “L’ultimo assedio” e in prossima uscita, nonché un capitolo finale della saga che vedrà come protagonista nientemeno che il famoso Conclave del 1271. Una visibilità senza pari per la città di Viterbo, soprattutto se l’incontro con Mediaset portasse agli esiti sperati.

“È un’occasione importante, ed intendo sfruttarla al meglio - afferma l’autrice Marta Tempra, emozionata ma determinata in vista dell’incontro -. Ho creduto nel potenziale della storia di Viterbo, e i risultati del libro mi hanno dato ragione. Credo ancora di più nel suo potenziale televisivo: già da Brescia e Crema ci sono arrivate richieste di mettere in scena rappresentazioni tratte dal romanzo. Ci sono tutti gli ingredienti per una grande fiction: sarebbe il giusto riconoscimento non per me, ma per la storia della nostra città”.

Incrociamo allora tutti le dita per la nostra giovane concittadina, e per l’incontro che si svolgerà sabato 20 maggio presso lo stand T29 (padiglione 3) del Salone Internazionale del Libro di Torino.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna