Cubo Festival: dal 25 maggio l'editoria "popola" il borgo di Ronciglione

PDFStampaE-mail

cubo festival , un borgo di libri, ronciglione, 25 e 28 maggio, case editrici, fiera dle libro, incontri, landolfi, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2017, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesiRONCIGLIONE - Un borgo di libri pronto al via: la costola letteraria del Cubo Festival, dominatore per il viterbese del bando regionale Io Leggo, dove è giunto terzo, sta per stravolgere il centro cittadino cimino, che sarà trasformato in un vero e proprio villaggio.

La presentazione stamani, nella sala delle assemblee della fondazione Carivit, con Italo Leali e Valentina Ricci. La rassegna ospiterà venti case editrici, di cui 5/6 viterbesi, che saranno coinvolti nella fiera del libro: "Li ospiteremo in gazebo tutti uguali che abbiamo acquistato per l'occasione, offrendo spazio, utenze e suolo pubblico - ha precisato Leali -, devono solo portare i libri e gli autori che incontreranno il pubblico. Abbiamo dovuto rinunciare a tanti che ci hanno chiesto la presenza, non c'era più spazio, vedremo per il prossimo anno. Insieme agli stand ci saranno arene eventi, una completamente dedicata ai bambini, con laboratori e letture a tema, e due punti ristoro, un'enoteca e un bar naturale che proporranno aperitivi letterari e pasti per tutte le tasche".

 

Tanti gli ospiti previsti, dai viterbesi Giorgio Nisini e Massimo Onofri, e poi Marco Cubeddu, Alcide Pierantozzi, Valerio Magrelli, Nicola Ravera Rafaele, Marco Marzocca, Roberto Amen, Giulio Cavalli, Francesca Chaouqui, Vins Galico, GAbriele MArconi, Mattero Trevisani, Giulio Silvni e Luca Pulino. All'avvio, il 25, la giornata dedicata a Tommaso Landolfi, nel cui nome si firmerà il gemellaggio con Pico, la sua cittò natale, a cui seguirà una conferenza e, in serata, l'incontro con Marco Castoldi ed Enrico Ghezzi che lo racconteranno.

 

Tra le particolarità il "Racconto in gabbia", con i manoscritti giunti dai detenuti del Lazio, che diventerà una pubblicazione edita a dicembre: "Non credevamo che sarebbero arrivati tanti scritti, tutti bellissimi, da quelli che raccontano un'evasione mentale, almeno nel testo, a quelli più forti, dove la realtà della privazione della libertà si sente maggiormente".

Saranno protagonisti anche gli studenti, non solo per gli incontri che potranno seguire ma anche per la partecipazione deir agazzi del liceo attraverso l'alternanza scuola lavoro.

E ancora eventi artistici: musica tutte le sere, artisti di strada, specie domenica, e un'installazione di Roberto Ferri, "Proiezioni ad arte", che trasformerà i muri del borgo in un suggestivo spazio espositivo.

La manifestazione, completamente ad ingresso gratuito, ha il patrocinio del Comune di Ronciglione, della Unipol Sai, Unicoop Tirrero e Fondazione Carivit.

Per tutti gli appuntamenti e gli orari www.cubofestival.it o la pagina facebook Cubofestival.

Teresa Pierini

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna