La Tuscia e i suoi fotografi: creatività e senso estetico all'Unitus

PDFStampaE-mail

fotografi tuscia, univeristà. fiorentino, incontri, laboratorioviterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2017, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesiVITERBO - Quanti modi ci sono di raccontare fotograficamente la Tuscia? Ma quanti sono gli autori della Tuscia in grado di interpretare creativamente e con qualità la fotografia stessa come strumento estetico e comunicativo, secondo generi, soggetti, modelli completamente diversi?

Francesco Galli, Cristiano Morbidelli, Riccardo Muzzi, Giulia Venanzi, Daniele Vita e Gaetano Alfano sono fotografi di generazioni diverse che vivono nel territorio e portano avanti la ricerca espressiva attraverso la fotografia con modalità, strumenti, soggetti molto differenti tra loro.

Il laboratorio di Fotografia del Dipartimento di Scienze Umanistiche, della Comunicazione e del Turismo, giunto alla sua terza edizione e coordinato dal docente Giovanni Fiorentino, intende offrire un momento di riflessione e confronto sull’espressione fotografica accogliendo le storie e soprattutto le immagini di Galli, Morbidelli, Muzzi, Venanzi, Vita e Alfano.

La fotografia si propone come strumento che può vitalizzare e catalizzare l’attenzione intorno alla Tuscia nelle sue forme più diverse, dal reportage al paesaggio, dalla fotografia di viaggio allo still life, dalla rappresentazione delle opere d’arte al rapporto con la natura, dal set teatrale alla fotografia architettonica. Intorno a loro gli interessi e la passione interdisciplinare degli studenti della Tuscia che attraverso l’offerta formativa del laboratorio lavorano alla costruzione delle competenze indispensabili nel presente digitale, in particolare l’apprendere criticamente l’uso dell’alfabeto visivo, scoprendo insieme tecnica e cultura che consente di guardare, rappresentare e comunicare il mondo che ci circonda.

Il corso strutturato per una formazione di base sulla produzione, gestione e postproduzione dell’immagine fotografica quest’anno ha come motivo principale culturale della formazione la storia e le trasformazioni del libro fotografic. Ad affiancare il prof. Fiorentino, in una modalità di lavoro laboratoriale che mette insieme necessariamente teoria e pratica, un gruppo di studenti tutor particolarmente esperti provenienti dai corsi magistrali.

Il  prossimo appuntamento del Laboratorio, La Tuscia e i suoi fotografi, aperto a tutti gli appassionati di fotografia e all’intera cittadinanza, è previsto per mercoledi 24 maggio alle ore 17 nell’aula 14 di Santa Maria in Gradi. Partecipano Francesco Galli, Cristiano Morbidelli, Riccardo Muzzi, Giulia Venanzi, Daniele Vita e Gaetano Alfano.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna