Unione: il teatro riapre con il "fuoco d'artificio" Deave, e domani?

PDFStampaE-mail

teatro unione, riapertura, lavori, inaugurazione, jeffrey deave, stagione, necessario bando, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2017, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesiVITERBO - Si alza il sipario del Teatro Unione, finalmente. Dopo anni di lavori, finanziamenti che hanno fatto avanti e indietro tra Comune e Regione, la città riconquista quello che è uno degli spazi simbolo della cultura: il teatro.

L'inaugurazione è in programma martedì 13 giugno, alle 16,45 con taglio del nastro ufficiale, alla presenza del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, del sindaco di Viterbo Leonardo Michelini. Seguirà, dalle 18 con ingresso libero, l'incontro organizzato da Ombre Festival con uno dei più grandi autori mondiali di thriller: Jeffery Deave.

"Per organizzare eventi di questo livello - afferma Alessandro Maurizi, presidente dell'Associazione Mariano Romiti - serve una grande dose di impegno di passione. L'incontro con Deaver rappresenta l'anteprima di Ombre Festival 2017, che sarà dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Inizieremo con Deaver e finiremo con un concerto della Banda della Polizia di Stato a Civita di Bagnoregio il 28 luglio, con l'intervento straordinario di Luca Barbareschi. Il fervore culturale che si respira a Viterbo, che per certi aspetti ha una sua unicità nel panorama nazionale, sta a significare quanto la cultura sia in grado fungere come collante tra le varie realtà, politiche, civili e militari della città. Le sinergie sono fondamentali nella vita, da soli non si va da nessuna parte".

Un evento spot, estemporaneo, che mette in evidenza la questione base: ora abbiamo la scatola, bellissima, rimessa a nuovo, che rispetta ogni tipo di norma prevista, ma è vuota.

 

Il teatro per sua stessa definizione non è l'edificio ma quello che avviene sul palco, il sacro fuoco dell'arte in ogni sua forma. Parte ora la sfida più grande per l'amministrazione, individuare la giusta professionalità che lo esalti nel modo migliore, dando possibilmente una luce nazionale e contemporaneamente coinvolgendo le numerosi associazioni presenti sul territorio, tutte in grado di manterenere vivo l'Unione in ogni momento dell'anno.

Siamo già in ritardo per organizzare una stagione all'altezza per il 2017/18, ma è fondamentare avviare il progetto per fare qualcosa di decoroso e lavorare sul prossimo. Partire dal bando per l'assegnazione potrebbe essere già un'idea.

Teresa Pierini

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna