Folclore

Storia, cultura e magia nella cena medievale di Pianiano

PDFStampaE-mail

pianiano, cellere, cena medievale, sindaco, leandro, peroni, CELLERE - Tradizione rispettata, anche per questo 2012, un anno cancellato per una sera nel borgo di Pianiano che si è di nuovo immerso nell'atmosfera medievale della speciale cena ormai appuntamento fisso, sempre sotto l'occhio attento del sindaco Leandro Peroni.

Per l'ennesima volta la romantica piazza del borgo, abitato normalmente da 13 persone, si è riempita (guarda la PhotoGallery): in centinaia non hanno resistito al richiamo della serata. provenienti non solo dal viterbese ma anche dalla vicinissima Toscana. Ospiti del primo cittadino l'assessore regionale Angela Birindelli, rimasta praticamente stragata dalla serata e dall'ambiente, l,'assessore provinciale Danti, i sindaci di Montalto, Caci, Canino, Pucci, Arlena di Castro, Cascianelli, e molti atri amministratori del territorio.


Romantica come sempre l'atmosfera che si crea nel bellissimo borgo: luci soffuse, fiaccole e musica di sottofondo fanno il resto. La cena è curata in ogni dettaglio: il tavolo "presidenziale" accoglie i figuranti del corteo storico in costume, come in costume sono gli attivissimi ragazzi e ragazze che servono ai tavoli. Posate in legno e piatti in coccio "accolgono" le portate, anche queste adattate a quelle del tempo: affettati locali, zuppa, spezzatino, formaggio e miele, tutto deve far pensare di essere nel medioevo e se non fosse per l'abbigliamento dei presenti potrebbe sorgere qualche dubbio di essere ancora nel Terzo Millennio.

Ciliegina sulla torta, come sempre, lo spettacolo che non manca mai: dall'accoglienza all'ingresso con pergamena e declamazione in tono storico allo spettacolo di musici, giocolieri e mangiafuoco. Il tempo nella serata medievale di Pianiano scivola via in un attimo e quando arriva il dolce è ben superata la mezzanotte. La soddisfazione per la bella serata si legge neglio occhi di tutti i commensali, felici di essere stati protagonisti di un evento speciale, che ogni anno popola e fa rivivere Pianiano.

Teresa Pierini

 

Carne locale, musica e allegria: alla Fiera di Bagnaia arriva la Sagra della bistecca

PDFStampaE-mail

bistecca, sagra, bagnaia, fiera, musica, maxischermo, trasporto, macchina santa rosa,VITERBO - Il terreno che accoglie la Fiera di Bagnaia, a pochi metri dalla svincolo della superstrada - E45, ospiterà dal prossimo 31 agosto, e fino al 4 settembre, cinque serate dedicate alla gastronomia e al divertimento, in programma per la Sagra della bistecca.

Ben 20mila metri quadrati saranno dedicati alla degustazione delle migliori bistecche viterbesi, allietate da musica e tanta allegria.

Caratteristica tipica della manifestazione è la presenza di un maxi-schermo che, nella serata del 3 settembre, trasmetterà la diretta del Trasporto della Macchina di Santa Rosa, evento in grado di canalizzare l’attenzione della Tuscia ma al quale non tutti riescono a prendere parte.

 

 

Sere della tagliata: la bistecca conquista anche Tarquinia

PDFStampaE-mail

bistecca, sagra, tarquinia, viterbo,TARQUINIA - Sabato 25 e domenica 26 agosto (dalle ore 19.30), piazzale Europa ospiterà le “Sere della Tagliata - Sagra della carne maremmana”.

Nata da un’idea della cooperativa sociale Terra&Mare e dell’associazione Pro Tarquinia, immediatamente sostenuta dall’Università Agraria e dal Comune di Tarquinia, la manifestazione vuole essere una sagra sui generis sin dalla sua prima edizione.

Per Paolo Frezzini, della cooperativa sociale Terra&Mare "L’iniziativa punta sulla qualità e sulla tipicità. La tagliata come esaltazione della carne maremmana, da abbinare alla gamma dei prodotti del nostro territorio. Una sagra con stile, senza perdere il carattere popolare".

 

 
 

Caprarola: musica, carri e gastronomia nel nome della nocciola

PDFStampaE-mail

carri, sagra, nocciola, caprarola, viterbo, CAPRAROLA - Nel novero delle feste estive della Tuscia è di sicuro tra le più longeve, un appuntamento a cui nessun caprolatto rinuncerebbe: la Sagra della nocciola, giunta all’edizione numero 56, si articola in un programma sempre più completo e variegato, che trova risposte a tutte le esigenze e fasce d’età. Iniziata venerdì 24 agosto con l'accensione dell’illuminata per le vie del paese e l’apertura degli stand dedicati ai prodotti tipici (resteranno aperti per tutta la durata della festa), lo spettacolo dell’orchestra Giusy e i Cosmos e la gastronomia con la “Prima cocomerata tra le note musicali”.

Sabato 25 agosto si terrà invece la gimkana equestre organizzata dall’Associazione Equestre dei Monti Cimini. Appuntamento alle ore 17 in località Paiola, in Strada Cassia Cimina km 16,500.

 

 

Tradizione e buona cucina alla Sagra della pastorizia di Farnese

PDFStampaE-mail

sagra pastorizia, farnese, inaugurazione, birindelli, assessore, regione lazio, FARNESE - Prosegue con successo la Sagra della pastorizia, che unisce la tradizione dell'allevamento con la buona cucina, per gran parte di ispirazione sarda (guarda la photoGallery)

La manifestazione è stata inaugurata giovedì con il convegno "Valorizzazione e promozione delle produzioni ovi-caprine di qualità per lo sviluppo del territorio locale e regionale, alla presenza dell'assessore all'agricoltura della Regione Lazio, Angela Birindelli. Al di là del tema dell'incontro, l'occasione è stata immediatamente raccolta dai rappresentanti di categoria (presenti Petronio Coretti, Cia, Gabriel Battistelli, Coldiretti, e Giuseppe Ferdinando Chiarini, Confagricoltura), per presentare all'assessore le proprie istanza. All'unisono è stata chiesta maggiore attenzione ai produttori, e ai loro prodotti e alla loro diffusione, maggiori aiuti in momenti di crisi come questo e soprattutto una sorta di protezione per le oscillazioni di mercato, che troppo spesso penalizzano gli operatori dell'agricoltura.

 

 
 

Pagina 222 di 230