Viterbo

Giallo Cronaca: un nuovo successo targato Salotto delle 6

PDFStampaE-mail

salotto delle sei, sal8 6, giallo cronaca, pasquale bottone, successo, pantani, omicidio, pubblico, applausi, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2014, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi, VITERBO - Si è svolto in biblioteca l’ultimo appuntamento del Salotto delle 6 dedicato a Giallo Cronaca: il ricordo di Marco Pantani, grande sportivo, grande campione, la cui prematura scomparsa rimane ancora oggi avvolta nel mistero.

“Fermava l’Italia come la Nazionale di calcio e sapeva trasmettere emozioni, che non si comprano al supermercato”, ha esordito Francesco Ceniti, giornalista della “Gazzetta dello Sport”, che con la mamma di Marco, la signora Tonina, ha scritto per Rizzoli “In nome di Marco”.
“Era un campione in bici, riusciva a coinvolgere i suoi fan, ma nel privato era un ragazzo fragile, morto a soli 34 anni”.

Un tuffo nella carriera dello scalatore: il Giro d’Italia, il Tour de France, l’episodio di Campiglio del ’99, con l’ematocrito troppo alto e la successiva immagine di Pantani mela marcia di un albero sano, le rivelazioni di Vallanzasca, avvicinato pochi giorni prima del fatto di Madonna di Campiglio da un detenuto, che gli disse di non puntare denaro sul Pirata, perché sicuramente non avrebbe vinto. Pantani fu ucciso una prima volta proprio dagli esiti di quel test antidoping del 1999, la seconda, e tragicamente ultima, in quel residence di bassa lega a Rimini nel 2004, oggi demolito.

 

 

Alessandro Maurizi: uno scrittore poliziotto amato dall'Arma

PDFStampaE-mail

alessandro maurizi, presidente, associazione letteraria, mariano romiti, premio, romanzi gialli, rivista, il carabiniere, poliziotto, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2014, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi, VITERBO - L'associazione letteraria Mariano Romiti è onorata di rivolgere al suo Presidente/scrittore  Alessandro Maurizi le migliori congratulazioni per  il trittico di riconoscimenti ottenuto con le sue più recenti  fatiche letterarie.

Con il suo ultimo romanzo "Il Vampiro di Munch" Alessandro si è assicurato il premio Fortezza di Sant'Alfonso conferitogli il 25 novembre scorso nell'ambito del concorso letterario Garfagnana in Giallo. Con lo stesso romanzo, il 3 dicembre scorso è arrivato primo al concorso "Bovezzo in giallo&noir" che si tiene ogni anno vicino a Brescia.

Ma la soddisfazione più grossa per Alessandro è stata di certo la vittoria ottenuta nel concorso "Carabinieri in giallo" indetto annualmente dalla rivista "Il Carabiniere". Il suo racconto dal titolo "Senza amore, senza vita" avente per protagonista il maresciallo dell'Arma Vezio De Santis ha ottenuto il primo premio e sarà  pubblicato nella storica collana "Gialli Mondadori".

 

 

Storie di uomini che hanno solcato i cieli: il libro di Marco Petrelli

PDFStampaE-mail

marco petrelli, giornalista, fotografo, storico, storia, aeronautica, nazionale repubblicana, a difendere i cieli d'italia, libro, fratelli d'italia, ricerca, testimonianze, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2014, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi,VITERBO – Un libro dedicato ai piloti dell’Aeronautica Nazionale Repubblicana.
Si intitola “A difendere i cieli d’Italia”, casa editrice Ciclostile, e lo ha scritto un giovane giornalista e fotografo free lance ternano, Marco Petrelli, classe 1983, laureato in storia contemporanea all’Università di Firenze.

Il volume, arricchito dalla prefazione del Generale dell’Aeronautica Mario Arpino, da un’intervista al professor Gregory Alegi e da alcune interessanti considerazioni dello storico Fabrizio Carloni, è stato presentato lunedì scorso presso la sede di “Fratelli d’Italia” di Viterbo.

“L’idea del libro – dice Petrelli – è nata l’estate del 2013 quando ho visto a un festival a Senigallia un manifesto degli anni ’50 che ritraeva un aereo da caccia statunitense. Mi sono chiesto chi erano i piloti italiani che decollavano per opporsi alle incursioni aeree anglo-americane, bombardamenti sulle città che proseguirono anche dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943. Poi, a Perugia, una collega mi ha accennato a un suo parente, Carlo Miani, che era stato pilota dell’aviazione della Rsi.

 
 

Il caporale Domenico Russo medaglia d'oro agli Invictus Game, per non arrendersi mai

PDFStampaE-mail

primo caporal maggiore, domenico russo, 100 metri, visually impaired, invictus games, londra., principe harry, militare, ferito, addestramento, diversamente abile, esercito, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2014, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi, VITERBO - Il capo di Stato maggiore dell’Esercito, generale Claudio Graziano, si congratula con il primo caporal maggiore dell'Esercito Domenico Russo, che ha vinto la medaglia d'oro nella gara dei 100 metri "visually impaired" agli Invictus Games di Londra.

Il militare, ferito in addestramento, è  originario di Vibo Valentia e presta servizio presso il Centro Addestramento Aviazione dell'Esercito di Viterbo.

E' un risultato, ha detto il capo di Stato maggiore, che testimonia la forza di volontà e la determinazione dei nostri soldati  e che riflette pienamente lo spirito degli Invictus Games  espresso dal motto "io non mi arrendo".

 

Ritratto italiano, con angosce, speranze e pensieri, in bilico dalla loggia

PDFStampaE-mail

quartieri dell'arte, fontana, kate pendry, recensione, loggia, rocca albornoz, drammaturgia contemporanea, site specific, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2014, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi,VITERBO – Quartieri dell’Arte sta travolgendo la città con l’effetto dirompente che solo la drammaturgia contemporanea è in grado di fare. Attendendo la performance odierna tratta da Pietro Aretino, i primi momenti di stupore sono stati offerti grazie al teatro site specific realizzato in collaborazione con la Khio di Oslo. Si è così passati dallo stupore creato da “Intrichi d’amore” perfettamente innestati nell’Infernetto di Palazzo Farnese alla straordinaria performance de La fontana di Kate Pendry, proposta in prima assoluta all’interno di piazza della Rocca.

L’appuntamento per gli spettatori era all’interno della Rocca Albornoz, sede del Museo nazionale etrusco, ed evviva sempre e comunque a chi accende una luce sul passato della Tuscia! Tante le persone che si sono presentate all’appuntamento e si sono accomodate “comodamente” sulla loggia del palazzo, fianco a fianco dei quattro attori, Sante Paolacci, Vincenzo De Luca, Giuseppe Orsillo e Simone Ruggiero, incaricati di recitare la traduzione italiana del testo scritto (e per alcuni momenti interpretato) da Kate Pendry, insieme a Madalena S. Helly-Hansen, Melina Tralunis Dahle e Line Starheimsaeter.

La scena inizia nel loggiato, Giovanni (Kate) racconta la sua esperienza, vissuta ormai da giorni tra le mura viterbesi, medievali prima e rinascimentali poi, “….sebbene il sacro rinascimento sia stato soppiantato dal profano medioevo…”.

 

 
 

Pagina 5 di 96