L'universo di Ramòn all'Hotel Salus Terme

Stampa

mio universo, Ramón Soberon Gomez-Palacio, progettarte, fidapa, mostra, hoel salus terme, collori, spagna, paesi baschi, santander, cantabria, quadri, opere, personale, mostra, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2014, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesi, VITERBO - L’Hotel Salus Terme torna ad aprire le porte ad un evento culturale che dia maggiore lustro alla già bella struttura termale, apprezzata da turisti di tutto il mondo. Da domani sarà l’associazione culturale ProgettArte3D, con il patrocinio della F.i.d.a.p.a. - sezione di Viterbo, a presentare la mostra di pittura di Ramón Soberon Gomez-Palacio, artista càntabro molto particolare.

Nasce a Santander (Cantabria) nel 1961, ha esposto molto in Spagna, in particolare a Valencia, Barcellona, Gerona e nei Paesi Baschi. Dopo aver partecipato, la scorsa estate, ad una collettiva ad Andorra oggi espone a Viterbo, è la sua prima volta in Italia.

La principale caratteristica di questo artista è che vita e arte coincidono in un unicum in cui se stesso e l’opera sono una cosa sola, le tele scaturiscono da un’irrefrenabile impulso che dà forma al suo personalissimo universo.

“Un universo contenente una miriade di elementi differenti, simile a quello intra-cellulare, misterioso ai nostri occhi – spiegano i curatori - ma che l’uso del giusto strumento ci svela in tutto il suo fascino. Così l’universo interno ed invisibile di Ramón Soberon Gomez-Palacio, con un’energia dirompente, si rivela a noi attraverso la pittura. Per continuare con il parallelismo cellulare, gli elementi che compongono le sue opere sono molti e diversi come i corpuscoli intracellulari, e anche la loro forma e disposizione presenta una forte somiglianza con essi”.

La sua tecnica è molto particolare, è mista su supporto di carta ad alta densità che gli permette di utilizzare anche soluzioni e acidi. Il colore, nelle opere di questo artista, ha una vitalità tutta sua che si trasmette al nostro occhio al minimo cambiamento di luce.

“In altre parole – concludono gli organizzatori - potremmo dire che un’energia interna guida la sua mano e lo costringe a dipingere le sue tele con questa struttura così definita e riconoscibile, la stessa energia che nel poeta fa scaturire il verso o che spinge i personaggi di un romanzo ad imporsi al loro autore”.

La mostra “Il mio universo” sarà ospitata presso l’Hotel Salus Terme, strada Tuscanese 26-28, Viterbo, che sponsorizza l’iniziativa, dal 30 novembre 2014 al 10 gennaio 2015 con ingresso libero. Il 29 novembre alle 17 è in programma il vernissage di apertura aperto a tutti gli appassionati.