Caravaggio secondo Sgarbi: a Ferento nella sera di Ferragosto

Stampa

sgarbi vittorio, caravaggio, spettacolo, cultura, teatro romano, stagione teatrale, consorzio teatro tuscia, 15 agosto, ferragosto, viterbo, etruria, la tua etruria, tuscia, alto lazio, tesori d'etruria, cultura, 2016, quotidiano culturale, eventi, manifestazioni, eventi culturali viterbesiVITERBO -  Si avvicina il Ferragosto culturale dedicato a Caravaggio.

Spostato per motivi personali dal 6 al 15 agosto, Vittorio Sgarbi chiuderà ufficialmente l'edizione 2016 della stagione tetrale di Ferento.

Sul palco, Vittorio Sgarbi condurrà, attraverso la vita e la pittura rivoluzionaria di Michelangelo Merisi, uno spettacolo teatrale arricchito dalla musica di Valentino Corvino, e dalle immagini delle opere più rappresentative del pittore lombardo, curate dal visual artist Tommaso Arosio.

“Caravaggio è doppiamente contemporaneo. È contemporaneo perché c’è, perché viviamo contemporaneamente alle sue opere che continuano a vivere - precisa il critico - ed è contemporaneo perché la sensibilità del nostro tempo gli ha restituito tutti i significati e l’importanza della sua opera. Non sono stati il Settecento o l’Ottocento a capire Caravaggio, ma il nostro Novecento. Caravaggio viene riscoperto in un’epoca fortemente improntata ai valori della realtà, del popolo, della lotta di classe.

Ogni secolo sceglie i propri artisti. E questo garantisce un’attualizzazione, un’interpretazione di artisti che non sono più del Quattrocento, del Cinquecento e del Seicento ma appartengono al tempo che li capisce, che li interpreta, che li sente contemporanei. Tra questi, nessuno è più vicino a noi, alle nostre paure, ai nostri stupori, alle nostre emozioni, di quanto non sia Caravaggio.”

La regia sarà di Angelo Generali.

Appuntamento al teatro romano di Ferento lunedì 15 agosto alle 21.15

T. P.